CASA DON BOSCO OSPITA LE OLIMPIADI DEI MESTIERI

Milano, 06.05.2015

La Famiglia Salesiana ospiterà, nella giornata di oggi e di domani 7 maggio, il IX Concorso Nazionale dei Capolavori dei Settori Professionali organizzato dal Centro Nazionale Opere Salesiane – Formazione e Aggiornamento Professionale (CNOS-FAP). L’edizione di quest’anno si contraddistingue dalle precedenti poiché rientra nel programma del Bicentenario della nascita di Don Bosco, inoltre, i giovani concorrenti potranno incontrare la giuria a Casa Don Bosco presso Expo 2015.
La Grande Gara dei Mestieri, cui parteciperanno 172 ragazzi selezionati in tutta Italia, si terrà presso Casa Don Bosco. Il concorso durerà 2 giorni durante i quali verranno proposte prove in 6 settori della Formazione Professionale – Meccanico per macchine utensili, Elettrico, Meccanico d’auto, Grafico, Ristorazione ed Energia – con prove pratiche e su materie trasversali quali scienza e matematica, cultura e informatica. Il vincitore sarà premiato l’8 maggio a Palazzo Lombardia a Milano insieme alle Autorità, al CNOS-FAP, ai rappresentanti di 38 aziende nazionali e multinazionali e altri illustri  testimonial come Filippo Galli, ex giocatore del Milan e allenatore, Raul Marchisio, ex pilota di rally, l’ex pallavolista Maurizia Cacciatori e lo scrittore Eraldo Affinati. Quest’ultimo fa anche parte della Commissione di valutazione insieme a personaggi che esercitano un mestiere ai massimi livelli, quali lo chef Davide Oldani.
I ragazzi in concorso dovranno sfidarsi  nel costruire un capolavoro che possa dimostrare le loro capacità e abilità e convincere la giuria, composta da esperti quali imprenditori e docenti. L’obiettivo dei concorrenti dovrà essere quello di mostrarsi all’altezza di questa sfida e mostrarsi in grado di affrontare qualsiasi situazione nel mondo del lavoro, anche conquistare una nuova posizione lavorativa. 
Uno sguardo al futuro che si collega anche al passato, nel 1884, infatti, Don Bosco partecipò all’Esposizione Italiana di Scienza e Arte di Torino per valorizzare il cosiddetto “sapere delle mani”, un sapere che si rinnova e si evolve con i nuovi mestieri dell’oggi. Attraverso questa evoluzione si può leggere la storia del nostro Paese, di un progresso costruito con rapporti attivi e proficui con il modo delle imprese, spesso con relazioni e collaborazioni storiche come con la FIAT oggi FCA, la Schneider Electric, la CNH Industrial e DMG, oggi DMG Mori, per aiutare i giovani, ieri e di oggi, a trovare una strada professionale e a costruire il proprio futuro attraverso il lavoro e la conoscenza.