EXPO2015: Il progetto architettonico del padiglione CASA DON BOSCO

Milano, 28.04.2015. 

L’occasione di essere presenti ad EXPO 2015 con un proprio padiglione ha messo in luce l’opportunità di riflettere su un particolare tema progettuale: quello della casa o per meglio dire del fronte della casa.

All’interno del tema generale della rassegna, “Nutrire il pianeta energia per la vita”, CASA DON BOSCO assume una rilevanza inconsueta.

Il tema generale di EXPO è stato pertanto coniugato all’educazione, all’importanza di questo nutrimento per i giovani, alla “missione” di educare la gioventù, tanto da pensare CASA DON BOSCO come uno spazio che, a manifestazione conclusa, continuerà a vivere come centro educativo dedicato ai giovani.

L’esposizione universale è sempre un’occasione importante per poter mettere in relazione, in rete, i pensieri e i desideri di ognuno. La committenza ha pensato, con un atto di modestia, di immaginare il padiglione come una casa. Da questo input è nato il progetto architettonico.

Expo, nelle linee guida progettuali, ha definito di assegnare ai lotti prospicienti al decumano un fronte uguale per tutti, pari a 20 metri. Per CASA DON BOSCO sono stati assegnati ulteriori vincoli, fissando un’altezza massima pari a 7 metri e la disponibilità di un padiglione caratterizzato da un solo piano. Il progetto esprime i concetti di CHIAREZZA, SEMPLICITA’, IDENTITA’, FACILE RICONOSCIBILITA’ offrendo al tempo stesso un’immagine di SERIETA’, SOLIDITA’, ACCOGLIENZA, ELEGANZA.

CASA DON BOSCO vuole mostrare di essere un luogo rassicurante, un posto dove stare, anche solo per riposare, una sorta di rifugio.

Nella “confusione” di immagini, sollecitazioni e temi, che necessariamente una manifestazione come EXPO offre, CASA DON BOSCO si vuole mettere in evidenza per il proprio ritrarsi, per il non apparire a tutti i costi, nell’ostinarsi ad essere una cosa semplice, “normale”, che vuole però perentoriamente durare, superare l’effimero del momento, essere viva, vigile ed accogliente di fronte a tutte le situazioni del mondo.

La forma e l’idea del padiglione nascono sintetizzando la semplicità di un disegno di un bambino, nella grandezza di una villa di Palladio.

E’ stata creata un’immagine asciutta, quasi primordiale alla ricerca dell’archetipo di casa, al fine di dare vita ad un progetto fortemente identitario e riconoscibile, quasi iconico, qualcosa che fosse subito leggibile dalle esperienze di ciascuno come casa, facilmente memorizzabile e interpretabile in quanto immagine già radicata, sedimentata nella memoria di tutti.

Della casa vengono proposti i concetti principali: il tetto a capanna e il portico. Il tema del portico è tema caro alla casa perché si pone come elemento con funzioni miste: un po’ pubblico, un po’ privato e allo stesso tempo uno spazio di accoglienza, riparo, riposo e incontro.

La forma del padiglione è molto tradizionale, un rettangolo con due fronti importanti sui lati corti e con lati lunghi trattati con due superfici rigorosamente chiuse perché la gerarchia è data dalla presenza del decumano e di una piazzetta.

Lo spazio interno è costituito da un unico grande vano con il tetto in legno a vista (oltre ai locali di servizio posti sulle teste) che sarà modulato con l’allestimento in modo differente, a seconda degli eventi che si svolgeranno.

Il padiglione è stato pensato per essere costruito tenendo presente il criterio della sostenibilità, per essere facilmente smontato e rimontato e per diventare una scuola e un centro per i giovani; ideato con materiali che abbattano la produzione dei rifiuti e che possano essere riutilizzati. La struttura è in acciaio e legno lamellare, la coibentazione è in pannelli sandwich rivestiti all’interno con pannelli in OSB e pirotite, e all’esterno con pannelli in OSB sui quali è stato montato un successivo strato di finitura in canapa (anche sul tetto). Con quest’ultimo accorgimento si è creata una superficie omogenea che offrisse ed esaltasse quel senso di sobrietà ricercato.

Il volume, a parte le teste scavate dei portici, realizzate in modo quasi scultoreo attraverso l’impiego di pannelli in legno multistrato a vista e verniciato, doveva mostrarsi quasi come un sacco.

E’ stata utilizzata una fibra naturale per restare nel segno della sostenibilità, ma anche per offrire un messaggio diverso. In una rassegna dove si parla di cibo non si poteva non pensare che il riso, i fagioli, il grano, il mais, per secoli sono stati conservati nei sacchi.

L’educazione, la cosa più preziosa per la gioventù viene quindi alimentata, fatta crescere e conservata con tutta la cura possibile. L’allestimento interno è pensato per creare, attraverso degli appositi totem, ambienti legati all’accoglienza e ad una informazione rapida, spazi di approfondimento tematico, luoghi per gli eventi; il tutto modulabile secondo anche altre esigenze. Gran parte dell’esterno è pavimentato in legno, alcune parti residuali seminate a prato. L’esterno sul lato del decumano è arredato con delle panche fisse che, relazionandosi con il portico, ricreano l’idea del cortile, tema fondamentale nel sistema educativo di Don Bosco.

CREDITI

Localizzazione del progetto: Expo Milano 2015- Lotto N36 “CASA DON BOSCO”

Committente: Don Bosco Network- VIS

Responsabile dei Lavori: Don Claudio Belfiore

Project Management: dott. Ercole Lucchini

Partecipant Technical Supervisor: arch. Vittorio Giacomin

Progetto architettonico: architetti Vittorio Giacomin, Maurizio Boldrin, Ilaria Saugo

Progetto delle strutture: ing. Federico Zago

Progetto impianti meccanici, idrici, antincendio: p.i. Fidenzio Benedetti

Progetto impianti elettrici, speciali: p.i. Carlo Deganello

Progetto illuminotecnico: Telmotor s.p.a.- consulente Nicola Bortolaso

Direzione Lavori: arch. Maurizio Boldrin, arch. Ilaria Saugo

Coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione: arch. Vittorio Giacomin

Collaudatore: ing. Luigi Rebonato

Superficie del lotto: 747 mq

Superficie del Padiglione: 350 mq

Inizio lavori: 04 febbraio 2015

Fine lavori: 26 aprile 2015

Impresa affidataria: Impresa Rigamonti s.p.a.

Carpenteria in legno e ferro: Fratelli Borromini s.n.c.

Impianti elettrici: Bertoldo Impianti s.r.l.

Impianti idrici, meccanici: CTP Perozzo Impianti s.r.l.

Esecuzione allestimento: Bonetto Artlegno s.r.l., Calligaris s.p.a.

Contenuti digitali: Missioni Don Bosco, Neide