EXPO2015: INAUGURATO IL PADIGLIONE CASA DON BOSCO

Milano, 01.05.2015

La Famiglia Salesiana ha inaugurato stamane alle ore 10.00 il padiglione CASA DON BOSCO in Expo Milano 2015 alla presenza di Don Fabio Attard, Don Claudio Belfiore, Suor Giuseppina Barbanti ed Ercole Lucchini.

La Famiglia Salesiana di Don Bosco afferma che per la sostenibilità e il futuro del pianeta due sono le scommesse vincenti: la scelta educativa e il protagonismo dei giovani. Don Bosco diceva infatti che «i giovani sono la porzione più preziosa e più delicata dell’umana società».

Nell’anno del Bicentenario della nascita di Don Bosco i suoi  Exallievi/e, quelli delle Figlie di Maria Ausiliatrice unitamente agli Amici di Don Bosco, si sono mobilitati per l’iniziativa “Doniamo CASA DON BOSCO”.  In segno di riconoscenza e gratitudine verso Don Bosco e la Famiglia Salesiana, hanno deciso di attivare una raccolta per donare “CASA DON BOSCO” ai ragazzi dell’Ucraina affinché diventi un luogo di scuola ed educazione alla vita, che possa rappresentare per tanti giovani un’esperienza di vita.

L’occasione di essere presenti ad EXPO 2015 con un proprio padiglione ha messo in luce l’opportunità di riflettere su un particolare tema progettuale: quello della casa o, per meglio dire, del fronte della casa. Il tema generale di EXPO è stato coniugato all’educazione, all’importanza di questo nutrimento per i giovani, alla “missione” di educare la gioventù, tanto da pensare CASA DON BOSCO come uno spazio che, a manifestazione conclusa, continuerà a vivere come centro educativo dedicato ai giovani. L’esposizione universale è sempre un’occasione importante per poter mettere in relazione, in rete, i pensieri e i desideri di ognuno. La committenza ha pensato, con un atto di modestia, di immaginare il padiglione come una casa. Da questo input è nato il progetto architettonico. CASA DON BOSCO vuole mostrare di essere un luogo rassicurante, un posto dove stare, anche solo per riposare, una sorta di rifugio.